L'AGRICOLTURA CHE VORREI, L'ITALIA CHE VORREI

L'AGRICOLTURA CHE VORREI, L'ITALIA CHE VORREI

          Capita a tutti noi di immaginare come vorremmo cambiare il mondo in cui viviamo, come vorremmo che diventasse la società di cui facciamo parte, a partire dagli aspetti che ci toccano maggiormente. Ed in realtà, con i nostri comportamenti quotidiani, noi abbiamo un’influenza, anche se spesso impercettibile, su tutto quello che ci circonda. La cultura di un popolo, i rapporti sociali, i valori condivisi, sono sempre il frutto di una infinità di comportamenti individuali.


A me è capitato, facendo parte del governo di Mario Monti come Ministro delle politiche agricole, di poter incidere in modo maggiore, di poter dare un contributo più ampio all’evoluzione del nostro Paese. Questo è avvenuto in un periodo critico della nostra storia, per certi aspetti drammatico, che ha costretto il governo a fare, insieme al parlamento, scelte difficili e dolorose.

 

Da parte mia ho cercato di contribuire a queste decisioni con assoluta onestà di pensiero e, naturalmente, ho dedicato in particolare il mio lavoro ai problemi dell’agricoltura, alla filiera alimentare, ai temi forestali e al settore della pesca. Ho realizzato alcuni obiettivi, credo importanti, come ad esempio la regolamentazione dei rapporti commerciali nella filiera o la revisione degli incentivi per le energie rinnovabili in agricoltura. Di altri ho avviato positivamente il percorso, come il disegno di legge per arrestare la cementificazione delle nostre campagne. Se ne avete interesse, potrete trovare sul sito del Ministero un elenco dettagliato del lavoro svolto in questo anno. Mi rendo conto, però, che ciò che sono riuscito a portare a termine è solo una piccola parte di quello che avrei voluto realizzare. Per questa ragione ho ritenuto utile raccontarvi ciò che io penso debba essere fatto per il nostro Paese: l’Italia che vorrei, l’agricoltura che vorrei.

 

L’agricoltura e il cibo saranno al centro della politica planetaria nei prossimi decenni, perché la produzione alimentare mondiale non aumenta con lo stesso ritmo della crescita demografica e della domanda proveniente da nuove nazioni industrializzate. Il cibo e l’acqua saranno beni sempre più contesi e anche per i Paesi ricchi dell’Occidente sarà più oneroso approvvigionarsi. L’Italia si affaccia a questo scenario largamente impreparata. Per diversi decenni il pensiero dominante nel nostro Paese ha considerato l’agricoltura un settore residuale, nella convinzione che fosse molto più importante crescere attraverso nuovi e vecchi modelli industriali, come l’edilizia o la chimica.

 

Ancora oggi molti dimenticano che la filiera agroalimentare realizza circa il 15% del Pil italiano, con ricadute positive sull’ambiente, l’occupazione e la qualità della nostra vita. Nel frattempo le nostre imprese agricole e alimentari hanno potuto contare solo su loro stesse. I nostri agricoltori hanno scelto la qualità e l’innovazione per superare i limiti delle ridotte dimensioni aziendali. Hanno saputo essere eccellenti produttori, ma questo oggi rischia di non essere più sufficiente, perché il mercato non riconosce appieno il loro lavoro e i margini di redditività sono scesi a livelli di guardia.

 

Anche la nostra industria alimentare vive una sua contraddizione, fra un crescente successo internazionale e un equilibrio reso precario dall’assenza di una politica di settore. Il risultato è un sistema agroalimentare incredibilmente vitale, ma anche assai fragile.  Dobbiamo dare risposte alle nostre imprese, dobbiamo avere una politica nazionale per il settore agricolo e per l’industria alimentare! Non basta difendere le nostre posizioni a Bruxelles (anche se qualcuno in passato non ha fatto nemmeno questo).

 

Ma i problemi dell’agricoltura non possono essere isolati dallo scenario di crisi che il Paese attraversa. L’Italia ha bisogno di profonde riforme per tornare a crescere, e può farlo seguendo le linee dell’Agenda Monti.

 

Mario Catania

Scarica allegato

scarica allegato L'Agricoltura che vorrei L'Italia che vorrei (documento completo)
Post correlati
22/01/2013

Per difendere l'ambiente dobbiamo mantenere un’agricoltura attiva sul territorio

Continua >>

18/01/2013

“Modello Caserta”: uno straordinario lavoro di contrasto alle agro e alle ecomafie

Continua >>

17/01/2013

Veneto: un’agricoltura vitale che va protetta

Continua >>

16/01/2013

Unesco: Commissione nazionale candida Langhe-Roero e Monferrato come patrimonio dell’umanità

Continua >>

Rassegne correlate

27/01/2013

rassegnna

"Difenderemo l'agricoltura dal cemento"

Corriere del Veneto

24/01/2013

rassegnna

"Non solo latte, l'agricoltura chiede aiuto" - Intervista

L'Arena

19/01/2013

rassegnna

"Più attenzione all'impresa così riparte il Mezzogiorno" - Intervista

Il Mattino

18/01/2013

rassegnna

"Con l'Udc a difesa di un Veneto agricolo e solidale" - Intervista

Il Gazzettino

07/01/2013

rassegnna

"La nostra agenda è chiara, Pd confuso tra Renzi e Vendola" - Intervista

Il Messaggero

06/01/2013

rassegnna

"Il ministro Catania in campo con l'Udc 'Sto sempre con Monti'" - Intervista

La Stampa

21/12/2012

rassegnna

"Siamo pronti a ripartire, ci sarò anch'io" - Intervista

Il Messaggero

19/12/2012

rassegnna

"Il pressing è sempre più forte vuole continuare il risanamento" - Intervista

Il Mattino

Segui su

twitter

Agenda

Non ci sono eventi in programma
Vai all'agenda vai

Video

Foto

Vai alla photogallery vai