LE MIE PROPOSTE PER IL CONTRASTO ALLA CONTRAFFAZIONE

LE MIE PROPOSTE PER IL CONTRASTO ALLA CONTRAFFAZIONE

In un momento particolarmente delicato e complesso per l’economia del nostro Paese, il futuro dell’Italia dipende anche dalla capacità di creare sviluppo, tutelando nella maniera più efficace la creatività e l’unicità dei nostri prodotti, fattori chiave per il successo della competitività sui mercati interno ed estero. In quest’ottica il tema della lotta alla contraffazione assume particolare rilevanza e va affrontato in primo luogo cercando di risolvere le problematiche del nostro impianto normativo.

L’impianto di norme vigente è obsoleto (risale al codice Rocco, quindi agli anni ’30 del secolo scorso) e non aderente alla realtà attuale del fenomeno: basti pensare al fatto che, a fronte di una mole imponente di denunce e di illeciti riscontrati dalle forze di polizia, sono pochissimi i casi che arrivano a sentenza.

Ciò dimostra che ci sono alcuni aspetti cui bisogna immediatamente mettere mano.

Possono essere richiamate sinteticamente, a titolo di esempio, le seguenti proposte: 

  • in primis, una nuova collocazione delle figure di reato relative alla contraffazione nel codice penale vigente (insieme al quale può essere perseguita una semplificazione delle numerose fattispecie oggi esistenti). Nello specifico è proposto lo spostamento di tali reati dal titolo VII al titolo VIII del Codice penale con la strutturazione di questi reati come di pericolo anziché di danno, al fine di perseguirli con maggiore incisività;
  • inoltre, anche alla luce del Decreto legislativo in tema di non punibilità dei reati per speciale tenuità del fatto, si propone di creare una sorta di «doppio binario». Ad oggi vengono puniti allo stesso modo il venditore abusivo e il criminale internazionale che gestisce la filiera della contraffazione. Nello specifico, si propone un reato autonomo di contraffazione «sistematica e organizzata» (vale a dire per quei reati in cui sia accertata la presenza della criminalità organizzata), con un inasprimento della sanzione che lo smarchi dalla tenuità del fatto;
  • infine, si propone di estendere anche ai reati di contraffazione «sistematica e organizzata» i poteri di indagine patrimoniale previsti dalla legislazione antimafia

 

Scarica allegato

scarica allegato Relazione Catania - proposte di modifica del codice penale

Segui su

twitter

Agenda

Non ci sono eventi in programma
Vai all'agenda vai

Video

Foto

Vai alla photogallery vai